Eventi che interessano la Nuova Parrocchia

Domenica 20 ottobre 2019

XXIX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

È necessario pregare sempre, dice Gesù.
Ma cosa significa pregare sempre?
E ancora, dobbiamo chiedercelo: com'è possibile?
Evadere queste domande significa per il credente rimuovere una verità elementare: la preghiera è un'azione difficile, faticosa, per questo è molto comune, anche tra i credenti maturi e convinti, essere vinti dalla difficoltà del pregare, dallo scoraggiamento, dalla constatazione di non essere esauditi secondo i desideri, dalle vicissitudini della vita. Oggi poi la domanda non è solo: “come pregare?”, ma anche: “perché pregare?”. Viviamo in una cultura nella quale scienza e tecnica ci fanno credere che noi umani siamo capaci di tutto, che dobbiamo sempre cercare un'efficacia immediata, che l'autonomia dataci da Dio nel vivere nel mondo ci esime dal rivolgerci a lui. E va anche riconosciuto che a volte in molti credenti la preghiera sembra solo il frutto di un'indomabile angoscia, una chiacchiera con Dio, un verbalizzare sentimenti generati dalle nostre profondità, devozione e pietà in cerca di garanzia e di meriti per se stessi. C'è una preghiera diffusa che è brutta e falsa preghiera: non la preghiera cristiana, quella secondo la volontà di Dio, quella che Dio gradisce.

E allora, al di là delle difficoltà naturali che sovente denunciamo – mancanza di tempo, velocità della vita quotidiana, distrazioni, aridità spirituale –, cosa possiamo imparare dal Vangelo riguardo alla preghiera? Innanzitutto, va sempre ribadito che la preghiera cristiana si accende, nasce dall'ascolto della voce del Signore che ci parla. Come “la fede nasce dall'ascolto” (Rm 10,17), così anche la preghiera, che è nient'altro che l'eloquenza della fede (cf. Gc 5,15). Per pregare in modo cristiano, e non come fanno i pagani (cf. Mt 6,7), cioè le altre vie religiose umane, occorre ascoltare, occorre lasciarsi aprire gli orecchi dal Signore che parla e accogliere la sua Parola: “Parla, Signore, perché il tuo servo ti ascolta” (1Sam 3,9). Non c'è preghiera più alta ed essenziale dell'ascolto del Signore, della sua volontà, del suo amore che mai deve essere meritato.



Io t'invoco, mio Dio: dammi risposta,
rivolgi a me l'orecchio e ascolta la mia preghiera.
Custodiscimi, o Signore, come la pupilla degli occhi,
proteggimi all'ombra delle tue ali.
(Sal 17,6.8)

 

ANNUNZIO DEL GIORNO DELLA PASQUA 

  Fratelli carissimi, la gloria del Signore si è manifestata e sempre si manifesterà in mezzo a noi fino al suo ritorno.
Nei ritmi e nelle vicende del tempo ricordiamo e viviamo i misteri della salvezza.
Centro di tutto l'anno liturgico è il Triduo del Signore crocifisso, sepolto e risorto, che culminerà nella domenica di Pasqua il 21 aprile.
In ogni domenica, Pasqua della settimana, la santa Chiesa rende presente questo grande evento nel quale Cristo ha vinto il peccato e la morte.
Dalla Pasqua scaturiscono tutti i giorni santi:
Le Ceneri, inizio della Quaresima, il 6 marzo.
L'Ascensione del Signore, il 2 giugno.
La Pentecoste, il 9 giugno.
La prima domenica di Avvento, il 1° dicembre.
Anche nelle feste della santa Madre di Dio, degli apostoli, dei santi e nella commemorazione dei fedeli defunti, la Chiesa pellegrina sulla terra proclama la Pasqua del suo Signore.

A Cristo che era, che è e che viene, Signore del tempo e della storia, lode perenne nei secoli dei secoli.
Amen.

Calendario diocesano

 
... e poi qui  aggiornato dal sito della Diocesi


ESORTAZIONE APOSTOLICA

(19 marzo 2018)




GAUDETE ET EXSULTATE

DEL SANTO PADRE FRANCESCO



SULLA CHIAMATA ALLA SANTITÀ
NEL MONDO CONTEMPORANEO



 
... il video di presentazione ... per te !
Clicca per ingrandire l'immagine

del SANTO PADRE FRANCESCO

Clicca per ingrandire l'immagine
1. «Rallegratevi ed esultate» (Mt 5,12), dice Gesù a coloro che sono perseguitati o umiliati per causa sua. Il Signore chiede tutto, e quello che offre è la vera vita, la felicità per la quale siamo stati creati. Egli ci vuole santi e non si aspetta che ci accontentiamo di un'esistenza mediocre, annacquata, inconsistente. In realtà, fin dalle prime pagine della Bibbia è presente, in diversi modi, la chiamata alla santità. Così il Signore la proponeva ad Abramo: «Cammina davanti a me e sii integro» (Gen 17,1).

2. Non ci si deve aspettare qui un trattato sulla santità, con tante definizioni e distinzioni che potrebbero arricchire questo importante tema, o con analisi che si potrebbero fare circa i mezzi di santificazione. Il mio umile obiettivo è far risuonare ancora una volta la chiamata alla santità, cercando di incarnarla nel contesto attuale, con i suoi rischi, le sue sfide e le sue opportunità. Perché il Signore ha scelto ciascuno di noi «per essere santi e immacolati di fronte a Lui nella carità» (Ef 1,4) ...
 
... il testo

ESORTAZIONE APOSTOLICA

Clicca per ingrandire l'immagine(19 marzo 2016)


AMORIS LAETITIA
DEL SANTO PADRE FRANCESCO


AI VESCOVI, AI PRESBITERI E AI DIACONI,
ALLE PERSONE CONSACRATE, AGLI SPOSI CRISTIANI
E A TUTTI I FEDELI LAICI

SULL'AMORE NELLA FAMIGLIA

1. La gioia dell'amore che si vive nelle famiglie è anche il giubilo della Chiesa. Come hanno indicato i Padri sinodali, malgrado i numerosi segni di crisi del matrimonio, «il desiderio di famiglia resta vivo, in specie fra i giovani, e motiva la Chiesa».[1] Come risposta a questa aspirazione «l'annuncio cristiano che riguarda la famiglia è davvero una buona notizia»...
 
... il testo

LETTERA APOSTOLICA

Clicca per ingrandire l'immagine(20 novembre 2016)

MISERICORDIA ET MISERA
DEL SANTO PADRE FRANCESCO

Misericordia et misera sono le due parole che sant'Agostino utilizza per raccontare l'incontro tra Gesù e l'adultera (cfr Gv 8,1-11). Non poteva trovare espressione più bella e coerente di questa per far comprendere il mistero dell'amore di Dio quando viene incontro al peccatore: «Rimasero soltanto loro due: la misera e la misericordia».[1] Quanta pietà e giustizia divina in questo racconto! Il suo insegnamento viene a illuminare la conclusione del Giubileo Straordinario della Misericordia, mentre indica il cammino che siamo chiamati a percorrere nel futuro.

1. Questa pagina del Vangelo può a buon diritto essere assunta come icona di quanto abbiamo celebrato nell'Anno Santo, un tempo ricco di misericordia, la quale chiede di essere ancora celebrata e vissuta ...
... il testo

ESORTAZIONE APOSTOLICA

Clicca per ingrandire l'immagine(24 novembre 2013)

EVANGELII GAUDIUM
DEL SANTO PADRE FRANCESCO


AI VESCOVI
AI PRESBITERI E AI DIACONI
ALLE PERSONE CONSACRATE
E AI FEDELI LAICI
SULL' ANNUNCIO DEL VANGELO NEL MONDO ATTUALE


1. La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù. Coloro che si lasciano salvare da Lui sono liberati dal peccato, dalla tristezza, dal vuoto interiore, dall'isolamento. Con Gesù Cristo sempre nasce e rinasce la gioia. In questa Esortazione desidero indirizzarmi ai fedeli cristiani, per invitarli a una nuova tappa evangelizzatrice marcata da questa gioia e indicare vie per il cammino della Chiesa nei prossimi anni. ...
 
... il testo

Scuola di formazione Teologica

CENTRO PASTORALE
Via Solferino - Parma
Seminario Minore


  • Sabato pomeriggio dalle 15.00 alle 18:15.

Lo studio si basa su due pilastri:
  • lo studio della Sacra Scrittura
  • la lettura dei Documenti del Concilio Ecumenico Vaticano II.

Per indormazioni: Bedodi don Flavio (0521 487469).

Lo scopo della scuola è primariamente la formazione personale, ma è molto utile a chi si vuole impegnare in servizi per la comunità.

OTTOBREDUCATORI 2019


  • Lunedì 7 ottobre ore 20.45
"ln quello stesso giorno due di l0ro erano in cammino"
COLMI Dl FIDUCIA PER COSTRUIRE SPERANZA.
  • Lunedì 14 ottobre ore 20.45
"Che discorsi state facendo fra voi?"
LA MISSIONE DELL'ACCOMPAGNAMENTO.
  • Lunedì 21 ottobre ore 19.30
"Ed egli entrò per rimanere con loro...
"Quando fu a tavola con loro".

Tutti gli incontri si tengono presso il Centro Pastorale Diocesano "Anna Truffelli" Parma, Viale Solferino 25
 
Clicca per ingrandire l'immagine

XXIII Corso biblico diocesano


"Vivere la Comunità alla luce degli Atti degli apostoli" è il tema del 
XXIII Corso Biblico Diocesano
in programma
il 10, 11 ottobre (ore 18.30-22)
e 12 ottobre (ore 9-12)
al Centro Pastorale Diocesano,
in viale Solferino 25, Parma.
Relatore del corso:
don Augusto Barbi, docente emerito presso la Facolta teologica del Triveneto.

Clicca per ingrandire l'immagine

ottobre missionario 2019

Clicca per ingrandire l'immagine
il programma

05/10/2019

FESTA MISSIONARIA LA MISSIONE CHIAMA...
ore 17 centro pastorale “A. Truffelli”

12/10/2019

25° GRUPPO MISSION
ore 16,30 chiesa Santa Maria del Rosario

10-12/10/2019

CORSO BIBLICO
ore 18,30-22, il 12/10 9-12 centro pastorale

19/10/2019

La missione dalla "MAXIMUM ILLUD" a Papa Francesco
ore 9,15 casa madre dei Missionari Saveriani

23-26/10/2019

MISSIONE UNIVERSITARIA

24/10/2019

BATTEZZATI E INVIATI incontro con mons. Bregantini
ore 20,45 chiesa SS. Stimmate

26/10/2019

IN MISSIONE SOTTO IL CIELO
ore 18-23,30 piazza Garibaldi

27/10/2019

BATTEZZATI E INVIATI approfondimento con i missionari della CMV
ore 15,30 chiesa San Bernardo

30/09 – 12/10/2019

Mostra interculturale “IL CONFINE ...LO SPAZIO CHE UNISCE”
casa madre dei Missionari Saveriani

Pastorale Giovanile

Calendario delle Proposte
2019 - 2020

Azione Cattolica

Formazione per Educatori ragazzi
novembre 2019
Clicca per ingrandire l'immagine

Pastorale Familiare

Calendario delle Proposte
2019 - 2020
Clicca per ingrandire l'immagine